DOCUMENTARIO SUL RASTRELLAMENTO DELLA VAL GRANDE

Documentario “Val Grande ’44, storia del rastrellamento”, realizzato da Stefano Cerutti.

 
30enne borgomanerese appassionato di montagna e di videomaking.
 
Racconta in prima persona la cronologia del rastrellamento nazifascista del giugno 1944 avvenuto in Val Grande, a due passi dalle rive del Lago Maggiore.
 
Una storia tragicamente vera che ha visto i circa 400 partigiani delle formazioni “Valdossola”, “Giovine Italia” e “Cesare Battisti” accerchiati, catturati o uccisi dalle forze nazifasciste, in un impressionante operazione militare ben studiata e coordinata che ha coinvolto circa 4000 soldati e che non ha dato scampo ai partigiani.
 
Stefano e il suo team hanno camminato lungo i sentieri della Val Grande, l’area wilderness più estesa d’Italia – oggi Parco Nazionale – per un’intera estate e sono riusciti a raggiungere e filmare i luoghi più remoti della valle, calpestati in passato dai partigiani in fuga.
 
Il documentario è autoprodotto, con la consulenza storica della Casa della Resistenza di Fondotoce e il patrocinio del Parco Nazionale Val Grande.